Quaranta artisti contemporanei celebrano il mito di Leonardo da Vinci a 500 anni dalla sua morte. Da Andrea Granchi a Massimo Cantini, da Sergio Staino a Raffaele De Rosa e tantissimi altri nomi dell’arte in mostra a Marina di Pietrasanta (Lu) con dipinti, disegni e sculture dedicate al genio toscano. “Leonardo 500. 1519-2019” è in programma dall’11 maggio al 9 giugno.

Una mostra giocosa, colorata e divertente, che cerca di svelare l’estrosa personalità, la complessità dell’opera e della vita di Leonardo. La grandezza del genio viene reinterpretata e, in alcuni casi, è fonte di alcuni scherzi, con disegni e divertissement.

La collettiva, organizzata dalla Fondazione Versiliana insieme al Comitato Archivio artistico-documentario Gierut, vede la partecipazione di decine di artisti, tra pittori, illustratori e scultori di fama. L’esposizione sarà arricchita anche da alcuni interventi musicali con alcuni brani scritti da Leonardo e arrangiati in chiave contemporanea. La mostra si svilupperà su due distinte sedi: La Villa La Versiliana e gli spazi dell’Ex Incanto, vicino al Pontile di Marina di Pietrasanta.

Ideata e curata dal critico d’arte Lodovico Gierut e da Stefano Giraldi, fotografo specializzato in arte e architettura (per Giunti Editore ha fotografato le opere di Leonardo in tutta Europa), la mostra sin dagli iniziali preparativi ha riscontrato il favorevole giudizio di Carlo Pedretti, uno dei maggiori esperti della vita e dell’opera di Leonardo, scomparso nel gennaio 2018.

Pittore, scultore, inventore, musicista, architetto… definire Leonardo con un’unica parola è impossibile. “Se la sua vita e la sua opera sono per molti aspetti una sorta di rebus – commenta Stefano Giraldi – questa mostra è una sorta di ‘filo d’Arianna’ per esplorare il suo intelletto, capirne le inesauribili capacità e al tempo stesso concretizzare un ponte tra il suo e il nostro tempo dell’arte”.

“La mostra – spiega Lodovico Gierut – porta in sé anche un valore didattico, evidenzia l’attualità dell’opera di Leonardo e propone illustrazioni e disegni che attraverso una accattivante ironia faranno sicuramente breccia anche nei più giovani visitatori, traghettandoli in un viaggio nel mondo del Genio”.

La Villa La Versiliana ospiterà quattro tele di grandi dimensioni realizzate da apprezzati maestri della pittura contemporanea (Massimo Cantini, Andrea Granchi, Alessandro Reggioli e Angelo Vadalà) e una scultura-sedia di Davide Manfroni. L’anima giocosa della mostra si presenterà, in particolare, attraverso le opere “divertenti e acute che piaceranno pure ai giovani”, afferma Giraldi, e cioè disegni umoristici di (in ordine alfabetico) Dino Aloi, Gianni Audisio, Blub, Massimo Cavezzali, Lido Contemori, Ramona Costantini Always, Milko Dalla Battista, Marco De Angelis, Alessandro Palex Prevosto, Mauro Pispoli, Ezio Poli, Massimo Presciutti, Giuliano Rossetti, Sergio Staino, nonché un acrostico rispettivamente di Mariuccia Nespolo e di Ezio Poli. Nella sezione “Distraction” troveremo stampe su “La Gioconda” di Leonardo (Botero, Dalì, Duchamp,Warhol…).

La sede dell’Ex Incanto ospiterà invece opere d’arte prevalentemente pittoriche di Roberto Altmann, Alberto Bongini, Roberto Braida, Anna Chromy, Raffaele De Rosa, Feofeo, Riccardo Ghiribelli, Paolo Grigò, Francesco Guadagnuolo, Antonio Ieradi, Riccardo Luchini, Renzo Maggi, Giancarlo Marcali, Annamaria Maremmi, Giovanni Masuno, Giacomo Mozzi, Andrea Prandi, Marcello Scarselli, Gabriele Vicari.

L’inaugurazione della mostra è in programma l’11 maggio con due cerimonie ufficiali (alle 11 alla Versiliana e alle 17 all’Ex Incanto), con il taglio del nastro nelle due sedi espositive. Alle ore 18.00 davanti al pontile di Marina di Pietrasanta, ci sarà un intervento musicale dedicato alle canzoni di Leonardo arrangiate e suonate in chiave contemporanea da Andrea Garavelli (basso), Gianni Nesto (batteria), Carlo Guardamagna (chitarra), Nicola Farinello (voce). Chiara Jeri e Andrea Barsali canteranno la canzone originale “Monnalisa” di Cristiano Angelini.

Marcello Scarselli, Leonardo – tecnica mista su tela (2018)
Lodovico Gierut con Carlo Pedretti (2015)

Nella foto in alto: Mauro Pispoli, “Leonardo mi ha rotto le scatole, preferisco Andy” (assemblaggio di carta e cartone con interventi pittorici) – 2019

Autore

1 Commento

Scrivi un commento